035 198 33 000 supporto@airbeam.it
Seleziona una pagina

Quando un’attività intende fornire il servizio di INTERNET GRATUITO alla clientela, ci sono alcuni aspetti che molte volte non vengono presi in considerazione.

Ancora oggi, con le molteplici truffe informatiche che nascono ogni giorno, capita spesso che al BAR / RISTORANTE / HOTEL si permette di navigare ai clienti semplicemente fornendo la password del router wireless dell’azienda.
Una leggerezza non da poco in quanto questo equivale a dare le CHIAVI DI CASA ad uno sconosciuto che una volta entrato, potrà fare quello che gli pare nella rete locale, esponendovi a gravi rischi legali e di sicurezza.

 

MAI DARE ACCESSO alla propria rete locale!

 

La separazione delle reti è d’obbligo, qualcuno implementa questa soluzione mettendo 2 router in cascata, uno per i clienti, uno per l’azienda:

VOLPONI!

 

Così facendo non proteggono un fico secco, gli utenti più smaliziati possono trovare gli indirizzi della rete principale ed accedervi con nonchalance o riuscire a sniffare il traffico (dipende da come è strutturata la concatenazione).

 

AIRBEAM integra gli HotSpot di una soluzione firewall professionale  che crea un ambiente ai massimi livelli di sicurezza.

 

 

Un’altra cosa su cui fare ASSOLUTA ATTENZIONE è quella degli aggiornamenti di sicurezza dei dispositivi.

La scoperta di nuove falle è all’ordine del giorno e gli apparati vanno tenuti COSTANTEMENTE AGGIORNATI (Sperando che il produttore sia sufficientemente serio da rilasciare degli aggiornamenti e non lasciare l’utente vulnerabile a tempo indeterminato).
Un cliente deve quindi essere aggiornato in ambito di sicurezza per poter mantenere la propria rete sicura.
Tra una coppa gelato ed un aperitvio, l’imprenditore si deve occupare della propria azienda, non può preoccuparsi di queste operazioni che VANNO DEMANDATE AD AZIENDE SPECIALIZZATE!

 

AIRBEAM gestisce tutti i dispositivi della rete del cliente, applicando gli aggiornamenti ogni qual volta debbano avvenire.

 

Come Ogni qual volta debbano avvenire? Qualcuno potrebbe pensare “Se c’è un aggiornamento lo faccio!”.

 

VOLPONI!

 

 

Non tutte le ciambelle escono col buco, a volte gli aggiornamenti risolvono un problema e ne creano uno nuovo. Conoscere ciò che si sta facendo è essenziale per non compromettere la propria rete locale.

 

AIRBEAM è in prima linea come beta tester dei prodotti segue lo sviluppo dei software di gestione degli apparati, affiancando i team di sviluppatori.
Questo fa si che noi SAPPIANO ESATTAMENTE cosa stiamo facendo.


Prima di applicare gli aggiornamenti ai clienti, AIRBEAM li testa approfonditamente sui propri “HotSpot di Test”.
Questo azzera i possibili imprevisti

 

Un’altra cosa ASSOLUTAMENTE DA EVITARE è utlizzare apparati entry level: Ci sono dispositivi di fascia bassa che permettono di ottenere una rudimentale separazione delle reti e millantano di poter far connettere TUTTI i tuoi clienti. Omettono però di dirti che facendo connettere una manciata di dispositivi, la qualità della rete CROLLA ed è così che anche con una linea da 30 MEGA, 10 dispositivi connessi ad un Access Point del supermercato, fanno si che al massimo si possa usare un decimo della banda disponibile.
Perché questo?

Perché ogni apparato ha componenti che posssono supportare più o meno accessi simultanei. Il tipo router standard fornitor da un operatore internet può supportare al massimo una decina di clients che fanno traffico in contemporanea prima di rendere instabile la rete locale.

AIRBEAM utilizza Access Points professionali, dove ognuno supporta oltre 250 clients REALI

 

 

C’è poi chi per “Ampliare” il segnale della rete Wifi, aggiunge dei repeater, RIGOROSAMENTE CONSIGLIATI DALL’ELETTRICISTA.

Qui ora mi devo fermare un attimo. L’elettricista è bravo a fare il suo mestiere, ma quando l’elettricista si mette a fare il sistemista, per il cliente sono SOLO DANNI!
Riceviamo ogni giorno chiamate da elettricisti che fanno richieste STRAMBE in merito alla gestione di antifurti, telecamere etc.
Lo scopo dell’elettricista è che LE TELECAMERE FUNZIONINO, cosa importa se per far questo ci richiede di disattivare tutte le funzioni di sicurezza che proteggono il cliente, lui è ORIENTATO AL RISULTATO…

Torniamo al REPEATER, questo dispositivo è uno stupido ripeti-segnale e va a distruggere la qualità della rete, creando ripetizioni inutili di segnale che (nel caso migliore) e dimezzano la capacità della rete wireless. Nel caso in cui se ne installino 2, la capacità residua diventa 1/4 della iniziale (sempre nel caso migliore).
Ed è così che poi Netflix non funziona, le “rotelline girano” ed il cliente chiama quel DISONESTO DELL’OPERATORE INTERNET.

 

Per garantire la qualità massima,
la soluzione migliore è portare un cavo di rete ad ogni ACCESS POINT.
Siamo però consapevoli che non sempre è possibile.

 

Avere 2 Access Points connessi col cavo di rete, senza le competenze per scegliere gli apparati corretti e poi configurarli, è una STUPIDAGGINE IMMENSA!

Moltissime volte troviamo abitazioni dove il cliente, chiedendo all’elettricista, fa installare un secondo Access Point tramite cavo.
L’intuizione è corretta, non si tiene però conto che se i due Access Points non sono fatti per funzionare in sincronia (Mesh, Roaming, ZHO) ci sono alcune criticità:
– Gli access point DEVONO avere SSID diverso, altrimenti i dispositivi client impazziscono quando ricevono entrambi;
– Quando ci si allontana dal primo ACCESS POINT, lo Smartphone (o altro dispositivo), resta connesso ad esso e non si connette in automatico al punto più vicino. Questo fa si che il cliente, vicino al secondo punto d’accesso, non capisca perché vada LENTISSIMO e chiama L’OPERATORE INTERNET.

 

Dovendo optare per una soluzione Wireless Uplink,
gli apparati da prediligere sono quelli MESH e con più radio.

 

In questo caso gli apparati tra di loro stabiliscono un UPLINK su una BANDA RISERVATA ed utilizzano una seconda radio per far connettere i clients.

 

Questi sono ALCUNI dei punti da prendere in considerazione per sviluppare una struttura professionale, solida e sicura.

 

 

Hai un locale o un’azienda che vuole offrire il servizio di internet gratuito ai propri clienti, senza correre rischi?

Contattaci ora: supporto@airbeam.it